Nel post Fisiologia energetica: cos’è ho parlato degli “organi” che costituiscono il nostro sistema energetico, ma come funzionano esattamente? Come ci alimentiamo di energia? Se l’aura ci protegge perchè ci ammaliamo comunque? E come influisce la nostra evoluzione personale sulla qualità energetica del nostro corpo fisico e della nostra esistenza?


SEMPLICEMENTE RESPIRANDO
respiro energia

Respirare: un’azione automatica e assolutamente indispensabile alla sopravvivenza del nostro corpo fisico. Un’azione che diamo per scontata ma, ogni volta che inspiriamo ed espiriamo aria, creiamo inconsciamente il nostro primo scambio energetico. Conosciamo l’importanza della respirazione consapevole anche se, a volte, ci dimentichiamo che questo scambio avviene 24 ore su 24, ogni giorno della nostra vita. Inspiriamo ciò che ci circonda ed espiriamo ciò che abbiamo dentro. L’energia che respiriamo alimenta i nostri chakra che, a loro volta, la trasformano distribuendola al corpo fisico e all’aura. L’universo ci nutre costantemente attraverso il nostro respiro, il problema però è che non sempre possiamo scegliere cosa respirare.

 

COME L’AMBIENTE INFLUENZA NOI…

ricarica energetica

Vi siete mai sentiti stanchi e con la testa pesante dopo aver trascorso qualche ora in un centro commerciale? Vi siete mai chiesti perchè, a volte, trascorrere troppo tempo in mezzo alla folla ci fa sentire irritati?

Sappiamo che quando l’aria è pura contiene ioni negativi (atomi con cariche elettriche in eccedenza e quindi cedibili al corpo umano per le sue necessità fisiologiche). Perciò, quando siamo in mezzo alla natura, o comunque in luoghi con meno inquinamento, noi ci sentiamo meglio, ricaricati di energia. Al contrario, quando l’aria è impura, inquinata, è carica di ioni positivi (atomi in difetto perchè hanno già ceduto le loro cariche elettroniche all’ambiente, per riequilibrare le impurità presenti) di conseguenza, ad ogni nostro respiro, tendiamo a cedere la nostra energia per ripulire l’ambiente circostante, ricaricando i suoi ioni positivi.

deprivazione energetica

Questo scambio causa una deprivazione energetica del nostro corpo a vantaggio della depurazione dell’aria che respiriamo. Chi pratica tecniche energetiche e attività sportive aiuterà a mantenere alto ed equilibrato il proprio livello energetico. Di conseguenza, subirà meno perdite e avrà una ripresa molto più veloce. Al contrario, chi è più debole e ha dei varchi nella propria struttura energetica, avrà più difficoltà a riprendersi. Ovviamente si stancherà molto più velocemente e sarà più facile che possa contrarre malattie e virus.

super

In pratica, se non impariamo a schermare la nostra aura, l’equilibrio del nostro sistema energetico sarà continuamente in pericolo. Ogni persona, ogni ambiente e ogni circostanza a noi sfavorevole che incontreremo, potrà privarci delle nostre risorse energetiche, lasciandoci irrimediabilmente indifesi. La prossima volta che torneremo a casa stremati e irritati, dopo qualche ora trascorsa in mezzo alla gente, sapremo il perchè.

INQUINAMENTO, ELETTROMEGNETISMO ALTERATO E LE EMOZIONI DELLE PERSONE – rabbia, nervosismo, tristezza, sofferenza, preoccupazione, ecc.. – INFLUENZANO L’ENERGIA DELL’AMBIENTE.

…COME NOI INFLUENZIAMO L’AMBIENTE.

Lo scambio energetico avviene sempre e comunque in entrambi i sensi, di conseguenza, mentre l’ambiente può influenzare noi, noi possiamo influenzare lui. Quando respiriamo aria, inspiriamo energia dall’ambiente e quando espiriamo immettiamo energia modificata da noi. Ciò che pensiamo, ciò che siamo, le emozioni che stiamo vivendo modificano l’energia dell’ambiente in cui ci troviamo, ad ogni nostro respiro. Mantenere un atteggiamento positivo, sereno e tranquillo, ci permette di alleggerire l’energia circostante. Sarà più facile così, mantenere la nostra in uno stato di equilibrio, in grado di respingere gli attacchi esterni.

Ma la respirazione non è l’unico modo a nostra disposizione per influenzare l’ambiente e assorbire energie dall’esterno. Conosciamo tutti l’espressione lo sento a pelle, intesa ovviamente sia nel bene sia nel male. Generalmente indica un improvvisa capacità istintiva salvifica, rivelatrice o, addirittura, premonitrice. E’ ciò che spesso chiamiamo istinto.  Sono le informazioni raccolte dal nostro campo energetico, che arrivano a noi come un intuizione improvvisa. Un intuizione che ci permette di comprendere, a livello intellettuale, le energie con cui entriamo in contatto.

…SONO SOLO EMOZIONI.

Nel post Aiuto…un fantasma! ho usato la metafora dell’ aria che si taglia con il coltello per definire un energia pesante. Una situazione carica di tensione emotiva, causata da una lite o da emozioni negative piuttosto forti. Ogni emozione che viviamo lascia una traccia importante su di noi, nell’ambiente e sugli oggetti che tocchiamo. Per questo riusciamo ad avvertire quando “l’aria” ci sembra più pesante o, al contrario, quando un ambiente ci regala serenità. È solo una questione di fisica: emozioni come la rabbia, l’odio e la tristezza hanno vibrazioni energetiche più lente, più basse, più vicine alla nostra realtà materiale. Hanno la capacità di condizionare negativamente le energie e di “aggrapparsi” alla materia che ci circonda. Le emozioni pesanti impregnano il nostro campo emotivo abbassando le nostre difese energetiche e influenzano i campi energetici delle persone a cui ci avviciniamo.

Lo stesso principio si applica a un’aura che vibra più velocemente. Quando avvertite che stare vicino a una determinata persona vi fa “sentire bene” è perchè, quella persona, ha un’energia più equilibrata e più alta della vostra. Il primo contatto fra due persone avviene tramite l’aura: quando i campi energetici si incontrano avviene il primo scambio di informazioni.

COME FUNZIONA L’AURA

Campi dell'aura

Il nostro nutrimento energetico avviene sia dall’interno (attraverso la respirazione) sia dall’esterno (tramite aura e chakra). I corpi sottili dell’aura (eterico, emozionale, mentale e spirituale) svolgono ognuno una funzione specifica. Sono però indipendenti solo in modo apparente perchè fanno parte di un unico intero: l’aura. Sono in costante interazione fra loro per mantenere in equilibrio il sistema energetico dell’intero corpo fisico e sottile. Più l’energia dei singoli corpi sarà alta (vibrando più velocemente) maggiore sarà la capacità di compensazione, di eventuali squilibri, fra un corpo e l’altro. Un trauma emotivocome una perdita o un tradimento – può creare una frattura energetica, un varco nel corpo emozionale. Con il tempo, verrebbe riparato grazie al lavoro energetico, in sinergia con gli altri corpi sottili.

Ma se la nostra aura avesse un’ energia troppo bassa? In questo caso il corpo emozionale si impregnerebbe di emozioni legate al trauma subito (rabbia, dolore, rancore, ecc.), influenzando inevitabilmente il campo mentale. Queste emozioni aiuterebbero creare pensieri negativi e, di conseguenza, forme mentali debilitanti.

Le forme mentali sono subdole

Il dolore emotivo riporta inevitabilmente la nostra mente ad un particolare pensiero, generalmente negativo. Questo si auto-alimenta grazie all’energia delle emozioni che proviamo, creando così una vera e propria struttura energetica. Questa struttura energetica sarà tanto potente e resistente nel tempo quanto più forte sarà stato il pensiero che l’ha generata e che continua ad alimentarla. Quando si crea questo loop emozione-pensiero significa che la forma-pensiero si è consolidata e ha costruito la sua “casa” nel nostro corpo mentale. In presenza di squilibri energetici nei corpi sottili, col tempo, lo squilibrio “attaccherà” anche il corpo eterico – ultima barriera difensiva – facendo manifestare la malattia nel nostro corpo fisico.

Le forme mentali si nutrono della nostra energia in modo costante, come ad un buffet, abbassando le nostre vibrazioni e creando fratture nella nostra aura. Ci rendono vulnerabili a qualsiasi forma di attacco energetico, alla malattia e ai condizionamenti esterni. La cosa triste è che siamo proprio noi a farle nascere, crescere e nutrirle fino all’ingrasso. Fortunatamente abbiamo anche la capacità di metterle a dieta ferrea fino all’anoressia e alla definitiva scomparsa.

LA MALATTIA DEL CORPO E’ SPESSO IL RIFLESSO DELLA MALATTIA DELL’ANIMA

 

L’AURA e la MALATTIA

Il CORPO ETERICO

è definito anche “aura della salute”. Segue la forma del nostro corpo fisico, creando un barriera energetica protettiva che ci impedisce di ammalarci per cause esterne. Purtroppo, spesso, la malattia inizia dall’interno: stress, alcool, nicotina e droghe esauriscono l’energia del corpo eterico creando fessure e buchi nell’aura. Da queste crepe, il mondo esterno può entrare e la nostra energia vitale può fuoriuscire, disperdendosi. Quando il corpo eterico è indebolito, viene meno anche lo scambio energetico con gli altri corpi dell’aura, facendo apparire la persona, mentalmente ed emotivamente, apatica.

La malattia si manifesta nei corpi sottili molto prima che nel corpo fisico e, può essere quindi risolta prima che si manifesti fisicamente, riequilibrando energeticamente i campi interessati dallo squilibrio.

I corpi ETERICO e FISICO

possono essere indeboliti dall’interno (malattie genetiche, dipendenza da sostanze varie, stress, scarsa evoluzione personale, abitudini sbagliate, vita sedentaria, qualità e quantità del cibo ingerito, ecc.) e dall’esterno (deprivazione energetica a causa dell’ambiente, forme pensiero, vampiri energetici, emozioni negative, ambiente familiare e/o sociale-lavorativo opprimente e invalidante, ecc.).

La buona notizia è che abbiamo i mezzi per rafforzare il nostro campo eterico, e mantenere in equilibrio il nostro corpo fisico, migliorando in linea generale le nostre abitudini di vita (sonno, alimentazione sana, tanta acqua, eserizio fisico e cura del nostro corpo), utilizzando tecniche energetiche e medicina alternativa (reiki, pranoterapia, agopuntura, ecc.) per migliorare il nostro stato di salute o mantenerlo in equilibrio.

La notizia meno buona è che i corpi emozionale e mentale condizionano notevolmente lo stato energetico dei corpi eterico e fisico: ogni pensiero negativo, ogni condizionamento esterno, emozioni dolorose o pesanti creano un indebolimento energetico… per contro, bisogna dire che pensieri positivi ed emozioni più alte, migliorano il nostro equilibrio psico-fisico-emotivo, rafforzando l’intera aura.

Il CORPO EMOZIONALE

(o Astrale) è la sede di sentimenti ed emozioni ed è il corpo che regola la mitica legge d’attrazione. L’aura emozionale può espandersi per diversi metri inviando vibrazioni energetiche che tendono ad attrarre, e a unirsi, a vibrazioni analoghe, facendo scattare il principio della reciproca attrazione. Come dico sempre: energia chiama energia!

In pratica, i nostri stati emotivi, inviando le vibrazioni tramite l’aura emozionale, creano un messaggio ben preciso che viene trasmesso, inconsapevolmente, al mondo esterno. E’ come se la nostra aura inviasse continuamente messaggi WhatsApp a tutte le energie che incontriamo e in tutti gli ambienti che attraversiamo… prima o poi qualcuno risponderà.

Purtroppo, proprio a causa di questa reciproca attrazione, molto spesso ci troviamo ad affrontare situazioni o persone che rispecchiano tutto ciò che noi stiamo cercando di evitare, intenzionalmente o meno, e di cui vogliamo liberarci o che temiamo di più. Emozioni e sentimenti come gioia, amore, serenità e disponibilità possono attrarre qualcosa, o qualcuno, di altrettanto luminoso – emotivamente parlando – ma paura, rabbia, dubbio, angoscia, depressione, senso di rifiuto e sfiducia in noi stessi, tendono a metterci in situazioni in cui possono ricrearsi i conflitti che tanto cerchiamo di rifuggire, e da cui, queste emozioni negative traggono sostentamento energetico.

Espressioni come piove sempre sul bagnato, i problemi non vengono mai soli, non c’è due senza tre… vi dicono qualcosa?

Quando, soprattutto nelle relazioni personali, ci arrabbiamo per aver attirato l’ennesimo stronzo, lo sfigato di turno o quello perfetto nelle circostanze sbagliate (un uomo sposato, uno troppo giovane, con troppi figli, prossimo a un trasferimento oltre oceano, ecc…), smettiamo di prendercela con il “destino” e siamo consapevoli che è solo colpa nostra.

Già, colpa è una parola brutta e non è il termine più giusto, ma la responsabilità di chi e cosa attraiamo nella nostra vita è dell’energia che emaniamo.

L’energia che emaniamo e i messaggi che lanciamo corrispondono alla nostra condizione energetica del momento. Quando attiriamo solo ciò che non ci piace e che ci fa soffrire, è probabile che dobbiamo imparare una lezione, o abbiamo gli stessi problemi e difetti dell’altra persona – e in questo caso sarebbe meglio farsi un esame di coscienza – oppure dobbiamo modificare il nostro atteggiamento emotivo e mentale. A volte (causa traumi subiti o condizionamenti familiari) crediamo di essere immeritevoli, di valere poco, di essere persone piccole che non possono cambiare nulla. Ci abituiamo ad accontentarci di ciò che ci “arriva” e quando arriva qualcosa di brutto ci giustifichiamo convincendoci di essere sfortunati o, peggio, di aver fatto qualcosa di male per non meritarlo.

Beh! Forse è ora di smetterla di nasconderci dietro le frasi fatte, i falsi clichè e le vecchie energie! Apriamo la mente, abbandoniamo la pigrizia intellettiva e iniziamo a lavorare su noi stessi. Cambiamo le nostre condizioni energetiche e miglioriamo la nostra realtà. Fidatevi, qualunque cosa vi abbiano detto per farvi credere il contrario, ci meritiamo tutte le cose buone e belle che potremmo ottenere!

Tornando al nostro CORPO EMOZIONALE, possiamo dire che questo corpo sottile influenza nettamente la visione personale del mondo, della realtà e spesso anche di noi stessi, perché conserva tutti i nostri conflitti interiori, gli stati di aggressività, le paure consce ed inconsce, il senso di rifiuto, di solitudine, di mancanza di fiducia in se stessi, condizionando inevitabilmente ogni informazione – inviata e ricevuta – che attraversa il corpo emozionale.

Affrontare le nostre paure e i nostri conflitti interiori ci permette di risolverli di liberarcene per sempre alzando, di conseguenza, le vibrazioni del campo emozionale. In caso contrario, continueremo ad attirare a noi situazioni in grado di rafforzare e alimentare i nostri blocchi.

UNA SFERA EMOTIVA ARMONICAMENTE COMPLETA E CHE VIBRI ALLA SUA MASSIMA FREQUENZA, ACQUISTA LA MIRACOLOSA CAPACITA’ DI REALIZZARE TUTTO CIO’ CHE DESIDERA

 

Il CORPO MENTALE, sede di ogni nostra idea, percezione e pensiero razionale e intuitivo, ha vibrazioni più elevate, rispetto ai precedenti corpi, e può ulteriormente espandersi per parecchi metri.

Chi utilizza un ragionamento lineare e prettamente razionale – purtroppo adottato dalla maggioranza delle persone – ha un corpo mentale che risuona a frequenze meno elevate. Le informazioni ricevute vengono trasmesse dal corpo eterico a quello emozionale e, infine, a quello mentale che, a sua volta, reagisce formulando i corrispettivi pensieri verbali.

il corpo fisico riceve info attraverso i sensi

il corpo eterico invia le informazioni, trasformate in energia, al corpo emozionale

il corpo emozionale influenza le informazioni grazie alle nostre emozioni e a conflitti interiori irrisolti

il corpo mentale riceve le info influenzate e alterate formulando pensieri condizionati e prevenuti, formando strutture mentali che influenzano ogni nostro pensiero, percezione e giudizio

Il processo utilizzato da una sfera emozionale non in equilibrio, fa si che i pensieri formulati nel corpo mentale riguardino principalmente problemi materiali ed il proprio benessere personale. Come si dice spesso, siamo ciò che mangiamo ma, soprattutto, siamo ciò che pensiamo.

Il corpo mentale – i nostri pensieri, le nostre idee, le forme mentali – influenzano energeticamente il corpo eterico e, di conseguenza, il corpo fisico… nel bene come nel male.

Anche se sembra scontato, il pensiero positivo, la visualizzazione e una mente disciplinata possono aiutarci a mantenere alte le vibrazioni di questo corpo sottile, così delicato. È bene ricordare che, ogni attacco psichico esterno – volontario o meno – incontra molte difficoltà di riuscita quando si viene a scontrare con una mente più disciplinata e forte, e permette a noi di proteggerci da eventuali condizionamenti o, alla peggiore, di accorgercene per porre rimedio.

LA MENTE UMANA PUO’ MANIFESTARE UN POTERE INCREDIBILE MA

UNA MENTE DEBOLE E’, ALTRESI’, FACILMENTE CONDIZIONABILE.

Ricordiamoci che i blocchi del campo emozionale uniti al potere del campo mentale, creano e alimentano le forme pensiero più debilitanti e le le dipendenze più distruttive.

La finalità del corpo mentale, sarebbe quello di recepire informazioni, verità universali, dal piano spirituale e armonizzarle con la mente razionale in modo da applicare queste verità a situazioni concrete. La conoscenza che riceviamo dalla sfera spirituale si manifesta con intuizioni e ispirazioni – sotto forma di immagini o suoni – per essere poi tradotti in pensieri verbali. In questo modo potremo conoscere la reale natura delle cose. In una persona evoluta, la sfera mentale diventa lo specchio del corpo spirituale, acquistando saggezza e conoscenza.

Il CORPO SPIRITUALE ha ovviamente le vibrazioni più elevate perchè viene costantemente alimentato dal piano spirituale. Questo corpo può influenzare e alimentare gli altri corpi inviando loro vibrazioni energetiche. La quantità e la qualità delle vibrazioni inviate, dipendono ovviamente dalla nostra evoluzione spirituale e dall’equilibrio dei nostri chakra (addetti alla trasformazione e alla diffusione dell’energia).

Inutile dire che, anche in questo caso, le informazioni ricevute tramite il corpo spirituale saranno condizionate inevitabilmente dalle nostre forme mentali e da ciò in cui crediamo. Per questo motivo è molto importante mantenere sempre la mente aperta ad ogni possibilità, ad ogni risposta, ad ogni nuovo concetto e informazione.

Per molto tempo ho creduto che la mente, nella vita pratica, dovesse avere la priorità sul cuore, ed è stata una vera scoperta quando ho realizzato che, in realtà, l’energia più potente rilevata non è affatto quella della mente: il campo elettro-magnetico generato dal cuore è, in assoluto, il più potente e, quando abbiamo sofferenze e conflitti irrisolti, le nostre emozioni possono falsare la visione della nostra intera esistenza.

Per quanto la cura del nostro corpo fisico e la ricerca spirituale possano aumentare la nostra consapevolezza e le vibrazioni energetiche della nostra aura portando, a un certo livello, guarigione, è necessario comprendere l’importanza dei corpi emozionale e mentale. La nostra aura non può essere in equilibrio e vibrare al massimo della sua espressione se non ci rendiamo responsabili di ciò che proviamo, che pensiamo, che facciamo al nostro corpo e di come nutriamo il nostro spirito. Mente, cuore, corpo e spirito: uno non può esistere senza gli altri.

Capire come funziona il nostro sistema energetico significa comprendere meglio come funzioniamo noi. Tutto ciò che ci circonda è sempre, e comunque, nient’altro che energia. Tutta la vita è sostenuta dall’energia: noi siamo energia, le piante e gli animali sono energia, tutto ciò che apparentemente sembra inanimato, è energia, pianeta terra compreso, che senza ombra di dubbio è vivo. Si dice che il prana – che sostiene la vita – abbia la stessa natura del fulmine.

Tutto ciò che noi facciamo, diciamo e pensiamo muove inevitabilmente energia, modificandola in base al nostro stato emotivo, fisico e mentale e, nel momento in cui riusciamo a comprendere come interagire con essa, appena accettiamo la responsabilità di questa influenza reciproca, acquisiamo la capacità consapevole di utilizzarla e indirizzarla nel modo più appropriato per il benessere altrui e nostro.

VALE LA PENA SFORZARCI DI CONOSCERE NOI STESSI PER VIVERE MEGLIO